Go Back
+ servings
Focaccia genovese Bimby

Focaccia genovese Bimby

Valida per: Bimby TM6 / TM5 / TM31
5 da 9 voti
Tempo totale 1 h 30 min
Portata Aperitivo
Cucina Italiana
Porzioni 5 persone

Ingredienti
 

Per la pasta:

  • 190 gr acqua
  • 20 gr olio EVO
  • 7 gr sale fino
  • 3 gr malto d'orzo (o in alternativa miele)
  • 12 gr lievito birra fresco
  • 300/350 gr farina 0

Per emulsione:

  • 30 gr olio EVO
  • 40 gr acqua

Istruzioni
 

  • Mettere nel boccale l'acqua, il lievito e il malto, emulsionare: 20 sec. vel. 4. 
  • Unire la farina l'olio e il sale, mescolare: 3 min. vel. Spiga. Se necessario aggiungere dell'altra farina, l'impasto dovrà risultare compatto ma morbido e lavorabile.
  • Mettere su un ripiano leggermente infarinato, coprire con un canovaccio e lasciar riposare per 15 minuti circa.
  • Successivamente praticare all'impasto una o due pieghe a metà, dandogli una forma rettangolare senza impastare troppo, coprire nuovamente con un canovaccio e lasciar riposare per altri 10 minuti. 
  • Prendere la classica leccarda da forno e versargli al centro dell'olio (almeno 3 cucchiai) e posizionarvi sopra l'impasto, spennellare la superficie con altro olio (serve per non far venire la crosta all'impasto) e mettere a lievitare nel forno spento per circa 1 ora (dovrà raddoppiare di volume).
  • A questo punto prendere la teglia e stendere la focaccia senza però tirarla, ma al contrario facendo delle pressioni sull'impasto con le mani.
  • Spolverare con un velo piuttosto abbondante di sale fino (serve per non far venire la crosta durante la lievitazione), riporre la teglia nel forno spento e lasciar lievitare per altri 30 minuti. 
  • A questo punto in un bicchiere mescolare bene l'acqua con l'olio e versare sull'impasto aiutandosi con un pennello da cucina.
  • Imprimere energicamente con le dita l'impasto per creare i caratteristici buchi della focaccia. Lasciar lievitare per un'altra oretta nel forno spento.
  • Successivamente cuocere in forno preriscaldato a 220° per 15 minuti circa.
  • Lasciar raffreddare su una gratella prima di tagliarla e servirla... Buon appetito!

Il mio consiglio

Un appunto che fa Vittorio nella sua ricetta è di essere gentili con l'impasto quando viene infornato, evitando movimenti bruschi.